Contenuti

Rimborsi del duty-free nel dropshipping: cosa c'è da sapere?

In Francia, come in molti altri Paesi, il dropshipping è una pratica sempre più diffusa. Con questo sistema di vendita, il commerciante elettronico non deve preoccuparsi della logistica. Deve solo promuovere i prodotti del suo grossista sul suo negozio online. I prodotti da commercializzare possono provenire da diverse piattaforme come Amazon, Alibaba, eBay, ecc. Nel dropshipping è importante calcolare l'IVA e le imposte applicabili.

Il negozio in dropshipping e l'IVA: cosa c'è da sapere al riguardo

Il dropshipping e l'IVA sono due questioni che preoccupano molti dropshipper. 

  • Modifiche a partire dal 1° gennaio 2021 

Si noti che la legge finanziaria per il 2020 ha introdotto diverse modifiche al regime IVA per il dropshipping e il commercio elettronico. La maggior parte di queste modifiche è entrata in vigore il 1° gennaio 2021. 

A partire da questa data, si presume che le piattaforme di e-commerce abbiano ottenuto e consegnato i prodotti che facilitano per la vendita. 

  • Regole applicabili alle piattaforme di e-commerce 

Ci sono diversi parametri da tenere in considerazione: 

  • Per un fatturato annuo superiore a 10.000 euro: in tal caso, la vendita sarà trattata come una vendita effettuata in Francia. La merce sarà tassata al 20% di IVA.
  • Per un fatturato annuo superiore a 10.000 euro: la vendita sarà soggetta alla giurisdizione dello Stato di residenza del consumatore locale. Il cliente sarà tenuto a pagare l'IVA del suo stato di residenza. È anche possibile che il dropshipper chieda che la vendita sia presentata in Francia. L'IVA sarà applicata al tasso del 20%. L'attività dovrà essere ubicata in Francia. 
  • Il sistema dello "sportello unico": si applica alle vendite a distanza che avvengono all'interno dell'Unione Europea. In questo caso, l'IVA è dovuta a uno Stato diverso da quello del fornitore. Le imprese hanno la possibilità di pagare l'IVA in un solo Stato membro. Questo vale indipendentemente dal Paese di tassazione. Ad esempio, l'IVA può essere dovuta in Spagna. Per pagare e dichiarare l'imposta dalla Francia, il dropshipper dovrà solo identificarsi allo sportello. 
  • E le piattaforme di dropshipping?

Dal 1° gennaio, le piattaforme di dropshipping che vendono beni importati da Paesi terzi a clienti in Francia devono pagare l'IVA all'importazione per conto del cliente. Di conseguenza, il dropshipper sarà soggetto all'IVA sulle vendite a distanza di beni importati di valore inferiore a 150 euro. 

Per dimostrare di aver pagato l'IVA, è necessario utilizzare un registro delle transazioni. Questo documento deve essere conservato per un periodo di 10 anni a partire dall'anno in cui è avvenuta la transazione. Può essere soggetto a ispezioni da parte delle autorità fiscali.

I due regimi IVA opzionali per le vendite di beni importati di valore superiore a 150 euro. 

C'è un nuovo negozio di elettronica. Questo è l'Import One Stop Shop (IOSS). Viene utilizzato quando l'IVA all'importazione è esente o l'IVA dovuta nello Stato membro del cliente ricevente è ottenuta attraverso questo negozio. Per poter beneficiare di questo regime, è necessario che il dropshipper disponga di un numero di identificazione IVA specifico per questo regime. 

Se il cliente finale si trova in Francia e lo Stato importatore è anche la destinazione finale, si dovrà seguire una procedura di dichiarazione specifica. In questa situazione, la vendita a distanza sarà considerata come un'unica importazione. Si riterrà che sia il cliente destinatario ad aver preso in carico l'importazione. Dovrà pagare l'IVA relativa al trasporto e al passaggio in dogana. 

Secondo la Legge Finanziaria 2020, se un venditore utilizza una piattaforma che non riscuote l'IVA, la piattaforma in questione sarà responsabile dell'imposta. In tali circostanze, le autorità fiscali potranno emettere un avviso formale e obbligare la piattaforma a pagare.

Il dropshipper deve pagare i dazi doganali?

Il dropshipper è un intermediario nella vendita. In quanto tale, il dropshipper non sarà considerato responsabile dei dazi doganali. Spetta al cliente finale pagarli. Per i clienti in Francia (dipartimenti metropolitani e d'oltremare), non è necessario pagare i dazi doganali. Per beneficiare di questo diritto, è necessario che le merci provengano da uno Stato membro dell'Unione Europea. Tuttavia, se la merce proviene da un Paese al di fuori dell'Unione Europea, come la Cina, è necessario pagare un dazio doganale se il valore della merce supera i 150 euro.

Spetta al vettore occuparsi delle formalità doganali. Sarà responsabile della dichiarazione dei pacchi e del pagamento dei dazi doganali se la merce costa più di 150 euro. Quando il corriere consegna il pacco al cliente finale, gli rilascia una fattura. Il cliente dovrà pagare i vari dazi.

Conclusione

Avete iniziato a fare dropshipping? Questo sistema di e-commerce è vantaggioso perché non richiede la costituzione di uno stock di prodotti. Tuttavia, dovrete seguire alcune procedure doganali. I consumatori dovranno pagare le tasse. Quando commercializzate un prodotto specifico sul vostro sito, offrite dei vincitori. Questo vi garantirà una buona base di clienti. Minea può aiutarvi a trovare facilmente i prodotti vincenti.

Lanciare prodotti vincenti in 3 clic

Scoprite i prodotti vincenti in vendita oggi.

Prova gratuita

I nostri annunci gratuiti

  • Trova i prodotti vincenti sul nostro adspy Tiktok

  • Trova i prodotti vincenti sul nostro Facebook adspy

  • Trova i prodotti vincenti sul nostro Pinterest adspy

1 prodotto vincente ogni giorno.
Seguici!