Contenuti

Dropshipping e IVA nel 2021: tutti i cambiamenti da ricordare

I nuovi imprenditori sono sempre più attratti dal dropshipping, un modo moderno di gestire la logistica della spedizione dei prodotti nelle vendite online. L'esperto di dropshipping svolge i suoi compiti tra il fornitore, il rivenditore e il cliente. Come per ogni attività commerciale, c'è anche la questione dell'IVA. E l'IVA nel dropshipping per il 2021? 

Le diverse imposte della vostra attività di dropshipping

Quando si decide di diventare dropshipper, si opera essenzialmente come imprenditori autonomi. Questo status è il più accessibile e consente di avviare rapidamente l'attività. Inoltre, vi dà la possibilità di anticipare i cambiamenti del vostro mercato. Inoltre, consente di beneficiare di un regime fiscale particolarmente vantaggioso.

Se fate parte di questo programma, pagherete sicuramente tutti i contributi previdenziali e l'imposta sul reddito all'URSSAF. L'importo da pagare sarà calcolato come percentuale del fatturato. Oltre a queste tasse, dovrete pagare anche le imposte sui consumi. Questi sono spesso presi in considerazione quando si acquista un bene o un servizio. 

Una delle tasse da pagare è l'IVA. È importante sapere che l'IVA sarà addebitata al cliente finale. Nel dropshipping, l'IVA ha beneficiato di alcune eccezioni. Il dropshipper, in quanto rivenditore elettronico, potrebbe specificare sul suo sito web che non si occupa della spedizione, dello stoccaggio o della consegna dei prodotti. Sarà quindi il cliente finale a essere l'importatore del prodotto. Quello che dovete capire è che a queste condizioni non c'è IVA nel dropshipping. 

Il regime IVA per il dropshipping prima del 2021 

Per comprendere meglio gli sviluppi del dropshipping e dell'IVA, sarebbe opportuno ricontestualizzare un po' la questione. Prima del 31 dicembre 2020, quando un dropshipper doveva vendere prodotti provenienti dall'esterno dell'Unione Europea, questa era considerata una transazione esterna. Ciò significa che l'azienda di dropshipping in Francia non deve riscuotere l'IVA dal cliente finale. Tuttavia, un'attività autonoma di dropshipping deve l'IVA quando le merci entrano nel paese dell'importatore, che è sempre il cliente finale. Detto questo, poiché il valore di mercato dei prodotti è particolarmente basso, i dazi doganali e l'IVA del dropshipping sono spesso omessi. 

Anche alcune vecchie norme dell'UE in materia di IVA non sono complete, il che ha permesso agli esperti di dropshipping non UE di avere alcuni vantaggi rispetto ai loro concorrenti europei. Questi includono l'esenzione dall'IVA per tutti gli articoli importati di valore inferiore a 22 euro. Grazie a questa esenzione, i rivenditori elettronici al di fuori dell'UE possono ancora applicare l'IVA. C'è anche la soglia di registrazione dell'IVA, che non è la stessa da un Paese all'altro dell'UE. 

Alcune delle riforme applicate a partire dal 1° luglio 2021

Dal 1° luglio 2021 sono state applicate nuove misure per quanto riguarda il dropshipping e la relativa IVA. In particolare, è necessario sapere che: 

  • Che non ci sono più soglie IVA: 

Le soglie di vendita a distanza per la vendita di prodotti sono state abolite. Ora esiste una soglia unica di 10.000 euro. Un dropshipper può quindi espandere le proprie vendite a livello internazionale senza doversi preoccupare dell'IVA. L'IVA verrà addebitata allo stesso modo, indipendentemente dal paese dell'acquirente.   

  • Uno sportello unico per le dichiarazioni IVA:

Per tutti gli Stati membri dell'UE ci sarà uno sportello unico per la dichiarazione e il pagamento dell'IVA. Tutti i commercianti elettronici possono utilizzare questo sportello per le vendite a distanza intra-UE (transazioni commerciali tra gli Stati membri dell'UE) e per le vendite a distanza di prodotti provenienti da paesi extra-UE non superiori a 150 euro. 

Le ragioni di queste nuove misure 

La riforma dell'IVA per il dropshipping persegue diversi obiettivi. Affinché il problema di come pagare l'IVA nel dropshipping non sia più un ostacolo per gli imprenditori, sono state adottate delle misure. L'obiettivo è quello di regolarizzare le procedure relative all'importazione e a tutte le attività di dropshipping che pagano l'IVA. 

Lo scopo principale di queste modifiche al pagamento dell'IVA per gli imprenditori autonomi del dropshipping è quello di semplificare le formalità. Tra questi, quelli che si svolgono tra Paesi europei. Le riforme mirano anche a combattere le frodi nelle vendite online tra Paesi diversi. Per garantire una concorrenza leale, è stato necessario introdurre nuove regole. 

L'IVA dropshipping e le dogane sono facili da capire se non ci si prende il tempo di analizzarle. Tuttavia, per comprenderli meglio, si può sempre scegliere di essere accompagnati. 

Conclusione 

Per controllare meglio la crescita esplosiva dell'e-commerce, sono state intraprese queste riforme dell'IVA per il dropshipping. Hanno un effetto diretto su tutte le aziende della catena di fornitura. Affinché la vostra attività di e-commerce possa prosperare ulteriormente, è importante che ne siate consapevoli. Piattaforme come Minea aiutano a trovare facilmente il prodotto vincente.

Lanciare prodotti vincenti in 3 clic

Scoprite i prodotti vincenti in vendita oggi.

Prova gratuita

I nostri annunci gratuiti

  • Trova i prodotti vincenti sul nostro adspy Tiktok

  • Trova i prodotti vincenti sul nostro Facebook adspy

  • Trova i prodotti vincenti sul nostro Pinterest adspy

1 prodotto vincente ogni giorno.
Seguici!