Contenuti

A quanto ammonta l'IVA sui prodotti in dropshipping in Francia?

In Francia, le vendite online stanno diventando sempre più popolari e il dropshipping è un'altra forma di questa popolare attività commerciale. Il dropshipping è diventato un'attività commerciale a tutti gli effetti e dall'inizio del 2021 è soggetto all'imposta sul valore aggiunto (IVA). Dettagli nell'articolo. 

Il dropshipping in Francia è ora soggetto a IVA

Dal gennaio 2021, la legge finanziaria 2020 ha rettificato la tassazione del commercio online sul territorio francese e i prodotti in dropshipping non sono sfuggiti alla regola. Il dropshipping è ora tassato in base al regime dell'IVA, le cui disposizioni sono state attuate all'inizio dell'anno. Si suppone che le piattaforme di trading online abbiano acquistato e consegnato i prodotti, anche se di solito svolgono il ruolo di facilitatori o intermediari per le vendite a distanza. L'IVA sul dropshipping in Francia è quindi scontata.

Alcune regole sono poi applicabili a tutte le attività di commercio elettronico, compreso l'assoggettamento all'IVA per il dropshipping

  • Per un fatturato annuo pari o inferiore a 10.000 euro, la vendita sarà dichiarata come localizzata in Francia e l'aliquota IVA applicata sarà del 20%. 
  • Per un fatturato annuo superiore a 10.000 euro, la vendita sarà considerata localizzata nel Paese del consumatore finale. L'aliquota IVA applicata è allineata a quella che regola gli scambi commerciali nel Paese del destinatario. Tuttavia, il dropshipping beneficia di un'opzione e il dropshipper potrà richiedere che le sue vendite siano soggette all'IVA sul dropshipping in Francia.  
  • Lo sportello unico: è un sistema che è stato introdotto in tutta l'Unione europea. Comunemente noto come "one-stop-shop", il one-stop-shop riguarda tutte le vendite per le quali l'IVA è dovuta in un Paese diverso da quello del dropshipper. Il dropshipper paga l'IVA in un unico Stato membro, indipendentemente dal paese di tassazione.

IVA sui dropshipper facilitatori

Le piattaforme che facilitano la vendita di prodotti importati da un paese a clienti situati in Francia, dall'inizio del 2021 sono anch'esse soggette all'IVA riscossa all'importazione al posto del destinatario, cioè del cliente finale dei beni. In altre parole, il dropshipping è diventato soggetto all'IVA. È quindi essenziale sapere come viene stabilita l'IVA in Francia per i prodotti in dropshipping

Tutte le vendite a distanza di prodotti importati di valore pari o inferiore a 150 euro, così come tutte le vendite in dropshipping all'interno dell'Unione Europea effettuate da un fornitore al di fuori della zona europea, sono soggette all'IVA. Per verificare che l'IVA sia stata pagata, il dropshipper deve tenere un registro delle transazioni. Tale registro deve essere conservato per un periodo di 10 anni a partire dal 31 dicembre dell'anno in cui è avvenuta la vendita. Si tratta di un documento utile in caso di controllo da parte delle autorità fiscali. L'assoggettamento all'IVA e l'evento imponibile corrispondono alla data di approvazione del pagamento, non alla data di pagamento dei fondi. 

Come evitare di pagare l'IVA nel dropshipping? 

Esistono due casi di dropshipping e IVA in cui il valore totale di ogni transazione non supera i 150 euro. IOSS o Import-One-Stop-Shop è un'altra forma di negozio elettronico. L'IVA può essere esentata o pagata nello Stato membro dell'acquirente finale e riscossa dall'IOSS. Per beneficiare di questo vantaggio, il dropshipper deve disporre di un numero di identificazione IVA per questo regime. Alcuni fornitori come Brands Distribution offrono prodotti in dropshipping per imprenditori autonomi senza IVA

Questa esenzione viene acquisita con riserva di una messa in mora in caso di mancato rispetto di alcune regole. Il Finance Act 2020 stabilisce che se un operatore che commercia su una piattaforma di vendita online non è regolare nella riscossione dell'IVA, potrebbe essere responsabile in solido dell'imposta. In questo caso, l'amministrazione fiscale gli invierà una notifica formale per effettuare il pagamento. 

Il dropshipper non deve pagare i dazi doganali in quanto intermediario delle vendite. Spetta al cliente finale pagarli. Tali spese saranno indicate sulla fattura consegnata al cliente al momento della consegna. Se il destinatario risiede in Francia, il Paese di importazione è quello del cliente finale. La vendita viene quindi considerata come un'unica importazione dal cliente, che pagherà l'IVA alle autorità doganali. Il funzionamento del dropshipping e dell'IVA si basa su una serie di criteri che è essenziale conoscere bene prima di avviare l'attività. 

Conclusione

Recentemente, il dropshipping è stato riconosciuto legalmente ed è ora regolato da norme commerciali, compresa la tassazione dell'IVA. Requisiti fiscali che tutti i dropshipper devono rispettare. Per aiutarvi in tutti questi passaggi, rivolgetevi a Minea, uno specialista del dropshipping, che vi guiderà in tutte le fasi.

Lanciare prodotti vincenti in 3 clic

Scoprite i prodotti vincenti in vendita oggi.

Prova gratuita

I nostri annunci gratuiti

  • Trova i prodotti vincenti sul nostro adspy Tiktok

  • Trova i prodotti vincenti sul nostro Facebook adspy

  • Trova i prodotti vincenti sul nostro Pinterest adspy

1 prodotto vincente ogni giorno.
Seguici!